domenica 15 giugno 2008

EURO 2008 - Svizzera a casa con un sorriso..

mmmm..

Il Portogallo, con Ronaldo, Deco e Carvalho in panchina, perde (0-2) contro la nazionale di Kuhn. La doppietta di Yakin rende meno amara l'eliminazione dei padroni di casa, al primo successo in una fase finale dell'Europeo

BASILEA (Svizzera), 15 giugno 2008 - La Svizzera ha battuto il Portogallo (2-0, doppietta di Yakin) nell'ultima partita del Gruppo A. Si tratta del primo successo elvetico in una fase finale dell'Europeo. La squadra di Scolari aveva già conquistato la qualificazione ai quarti di finale.
A RIPOSO - Prima di lasciare, comunque troppo presto, un torneo organizzato nel giardino di casa, la squadra di Kuhn lavora sodo per conquistare almeno una vittoria, la prima in una fase finale continentale. Si vede da come Inler attacca il primo pallone giocabile, o da come Behrami prende la fascia di sua competenza con l'obiettivo di aprirla ai movimenti di Derdiyok. Il tentativo riesce solo a metà, un po' per merito del Portogallo versione B (Ronaldo, Carvalho, Deco e Simao partono dalla panchina), un po' per l'incapacità di creare davanti al portiere avversario.
QUARESMA FLOP - Quaresma e Nani sono le due armi migliori tra quelle scelte da Scolari. Le due ali rifiniscono il lavoro di Veloso ma sono più appariscenti che efficaci, soprattutto nel caso dell'esterno del Porto, con le sue "rabone" e si suoi scatti inconcludenti. Al di là di un rigore negato a Nani, il Portogallo si rende pericoloso con i difensori: Pepe centra la traversa, Alves manca il bersaglio di un niente. Quanto a Ferreira, il fallo su Behrami (direttamente sulla caviglia, da rosso diretto) condiziona la sua partita e porta al cambio per evitare cartellini o tentativi di vendetta del laziale.
INLER - Il migliore degli svizzeri è Inler. Il centrocampista dell'Udinese chiama Ricardo all'intervento sia nel primo tempo che nella ripresa. E' sua anche la sassata che accarezza il palo alla destra di Ricardo, l'ennesimo "legno" della serata dopo quelli lusitani firmati Pepe e Nani. Se la Svizzera chiude in crescendo è perché Barnetta riesce a cambiare ritmo all'attacco. In modo determinante. Anche se la combinazione dell'1-0 è tra Derdiyok e Yakin, con illuminante tocco di prima e stoccata davanti a Ricardo.
DOPPIO YAKIN - Scolari risparmia i senatori anche quando la partita prende una piega favorevole alla Svizzera. Quaresma lo fa disperare, perché sbaglia troppo in attacco e concede metri in abbondanza nella fase difensiva. Una piccola delusione, che non sconfessa peraltro le scelte fatte dal futuro tecnico del Chelsea nelle due precedenti partite. Il raddoppio su rigore (piuttosto generoso) di Yakin è un'altra pillola che rende meno amaro l'addio della Svizzera. Kuhn abbandona con un sorriso l'Europeo lasciando al Portogallo il compito di proseguire il cammino verso Vienna.
Antonino Morici gazzetta


é finita con un insperata e onestamente assurda vittoria
oltre che a non giocare i portoghesi hanno anche picchiato..
..vabbhe arriva il nuovo allenatore! mi ti co!!

Il futuro allenatore della nazionale svizzera di calcio Ottmar Hitzfeld ha scelto Michel Pont come assistente. Il tedesco è fiero del suo nuovo incarico.

Colui che succederà a Köbi Kuhn dal 1° luglio 2008 ha quasi promesso l'impossibile nel corso della conferenza stampa di lunedì sera. "La Svizzera andrà in Sudafrica. Sono convinto che ci qualificheremo per la Coppa del mondo del 2010", ha affermato l'attuale allenatore del Bayern di Monaco all'aeroporto di Zurigo-Kloten.

Ottmar Hitzfeld assicura di avere fatto la scelta giusta. "Dopo la decisione di non prolungare il contratto con il Bayern, avevo tre possibilità: ricominciare a lavorare alla televisione, allenare un'altra squadra o rispondere all'offerta dell'ASF. Non ho esitato a lungo. Anche se mi rendo perfettamente conto della difficoltà del mio compito di fronte alle grandissime attese per la squadra svizzera, e anche se sono di temperamento molto prudente, credo veramente di aver preso la giusta decisione. Avrò la fortuna di dirigere giocatori di grande valore che sono ancora lungi dall'aver raggiunto l'apogeo della carriera", ha dichiarato il tedesco.



mm.. forse si é fatto un po prendere hehe
ma ci voleva un cambiamento e il zio
sembra motivato e motivatore!
Sono convinto anch io che i giocatori
ci sono per far anche meglio che con
Roy Hodgson!

3 commenti:

Artemisia ha detto...

Almeno siete usciti bene :)

hai visto che recupero assurdo ha fatto la turchiaa OO

eLtRiVuLziO ha detto...

scire bene hehe
frase strana..

che palle ho visto si..
speriamo che li sbattono
fuori subito he

vado a mangiare e vedere
la partita..
zvorza cermania!

Artemisia ha detto...

hei!

tocca a noi stasera ehehe

speriamo in bene :D

forza Olanda eheheheh

se passiamo stasera mi sparo un chupito tricolore ehehe

come la vedi tu?